INCISIONI 2015/2016


A livello incisorio ho ripreso il ciclo dei segni zodiacali, portandolo finalmente a termine. Quei cerchi irregolari, le linee imperfette, i tratti spigolosi incisi sullo zinco, tutto si fa maestro ed esempio di una tecnica dedita al simbolo. Simbolo che appunto è presente in ogni incisione e, come nell’astrologia un simbolo determina il nostro temperamento e carattere, così ognuno di essi completa l’allegoria rispecchiando le proprie caratteristiche, sancite dalla posa, lo sguardo o le fattezze.  Così il nero dell’inchiostro può evocare il bagliore delle stelle. A livello litografico invece ho esplorato altri mondi, se si può dire, facendomi carico di quella che ho realizzato essere un compito sociale dell’artista. Ma forse per esser un introduzione ho già scritto fin troppo..



Aries    Taurus     Gemini     Cancer     Leo     Virgo     Libra     Scorpius     Arcitenens     Caper     Amphora     Pisces

 Referendum 17 Aprile           Referendum 17 Aprile su grigio

 

Descrizione immagine

Aries- incisone calcografica, acquaforte


...“Giovane sconosciuto, sembri audace e forte, ma il pretendente al trono della città di Iolco deve avere un segno di riconoscimento: il vello d'oro."

Giasone conosceva la storia dell'ariete dal prezioso manto e rispose con fierezza:

" Andrò a conquistarlo e te lo porterò, così questo regno sarà mio.”..


Giasone e gli argonauti

 

L’ariete apre questo ciclo dello zodiaco, inciso dal voler rappresentare come ad un simbolo, o in questo caso segno zodiacale, possa essere data un essenza che parli, che ci racconti di noi, che ci rispecchi o che renda distinguibili, sottolineando un valore del simbolo stesso. Spesso leggo per curiosità l’oroscopo sui giornali, l’effetto è quello dei biscotti della fortuna, non so se avete presente: cose talmente generali che per forza potrebbero capitarti. Sulla stessa onda è questo mio ciclo. Non intendo spiegare uno ad uno ogni segno, di quello si occupa l’astrologia, posso solo lasciare un commento altrettanto generale ma costruttivo, sulla quale chiunque dovrebbe meditare, perché in fin dei conti, tutti siamo un po’ tutti i segni, dipende solo da come ci svegliamo. Nel passo citato sopra vediamo di come Giasone, determinato, decida di fare l’impossibile, recuperare il vello d’oro, per esser riconosciuto dal Re. Ma siamo certi, andando contro al mito, che Giasone non avesse già il vello d’oro? Immaginiamo, infatti, per un momento, che il vello d’oro non fosse il manto del leggendario ariete, ma una forma ideale, magari il coraggio. Cos’è il coraggio? Assenza di paura? O consapevolezza del pericolo e timore del mettersi in gioco, ma farlo comunque. L’assenza di paura è spavalderia e spesso non conduce dove eravamo cosi sicuri di arrivare. Il vello d’oro dell’ariete era già li, indosso a Giasone, così deciso e coraggioso ma pur sempre consapevole a cosa andava incontro. L’arroganza è un nemico, l’arroganza di un ariete, o di un uomo, nello scontrarsi con un simile e pretendere di vincere. Possiamo essere come Giasone o come Golia, dipende da noi.