INCISIONI 2015/2016


A livello incisorio ho ripreso il ciclo dei segni zodiacali, portandolo finalmente a termine. Quei cerchi irregolari, le linee imperfette, i tratti spigolosi incisi sullo zinco, tutto si fa maestro ed esempio di una tecnica dedita al simbolo. Simbolo che appunto è presente in ogni incisione e, come nell’astrologia un simbolo determina il nostro temperamento e carattere, così ognuno di essi completa l’allegoria rispecchiando le proprie caratteristiche, sancite dalla posa, lo sguardo o le fattezze.  Così il nero dell’inchiostro può evocare il bagliore delle stelle. A livello litografico invece ho esplorato altri mondi, se si può dire, facendomi carico di quella che ho realizzato essere un compito sociale dell’artista. Ma forse per esser un introduzione ho già scritto fin troppo..



Aries    Taurus     Gemini     Cancer     Leo     Virgo     Libra     Scorpius     Arcitenens     Caper     Amphora     Pisces

 Referendum 17 Aprile           Referendum 17 Aprile su grigio

 

Descrizione immagine

Architenens- incisone calcografica, acquaforte


“In battaglia usa metodi ortodossi per affrontare il nemico. Usa metodi straordinari per ottenere la vittoria.”


l’arte della guerra

Sun Tzu

 

Per quanto le strategie e le massime di guerra cinesi, provenienti da Sunz Tzu e Sun Pin, siano maggiormente focalizzate sulla fanteria e l’organizzazione dell’esercito, essi non mancano di rilevare l’importanza tattica di armi a distanza, quali balestre e archi. Il sagittario ,o arciere in altino, appartiene alla nona casa dello zodiaco, ed è l’unico segno ad impugnare quella che può essere vista come un arma. Ma sappiamo tutti che quell’arco, ancora una volta, non è fisico ma bensì ideale. Esso è la nostra volontà, e si tende quanta più forza che adoperiamo. La freccia arriverà lontano quanto la nostra lungimiranza saprà arrivare e l’intensità dell’apertura pari alla nostra costanza. Da ex arciere mi sento di dover parlare di maturità del tiro con l’arco. Se si scocca troppo presto, senza i giusti ancoraggi sul viso, la freccia mancherà il bersaglio, se si scocca troppo tardi la tensione provocherà problemi nel rilascio, e la freccia mancherà il bersaglio. C’è un suo tempo, che non è né troppo presto, né troppo tardi, un metodo, che si impara unicamente praticando e praticando. Non ci sono risultati senza allenamento e vale per tutto. Il saper scagliare le nostre frecce e cogliere nel segno i nostri obiettivi deve essere la prerogativa di ognuno di noi.